NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

17 gennaio 2019

Concerto di inaugurazione dell'anno accademico del “Tomadini” dedicato a Giulio Regeni

Il tradizionale evento programmato per l'inaugurazione del nuovo anno accademico del Conservatorio di Udine affiancherà per la prima volta, in occasione dell'ormai prossima nuova edizione che si terrà presso il Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” sabato 26 gennaio alle ore 18.00, il consueto, profondo significato istituzionale e artistico, a una nobile motivazione di impegno civile.
La cerimonia d'apertura dell'anno accademico 2019-2020, atto pubblico di maggior prestigio e respiro all'interno del percorso didattico e di produzione artistica annuale del “Tomadini”, sarà dedicata agli indirizzi di saluto del presidente del Conservatorio, prof. avv. Ludovico A. Mazzarolli e delle autorità presenti. Seguirà, prima dell'intervento del rappresentante della Consulta degli studenti Gabriele Bressan, l'attesa relazione del direttore, maestro Virginio Pio Zoccatelli, incentrata oltre che sull'alto profilo fortemente voluto a caratterizzare l'evento, sul consuntivo del primo anno trascorso al vertice dell'istituzione e sulle prossime intenzioni progettuali e programmatiche nei settori della didattica, produzione e ricerca.
Il concerto sinfonico-corale dedicato a Giulio Regeni si aprirà quindi con un capolavoro assoluto della letteratura musicale classica, il Concerto per pianoforte e orchestra n. 4 op. 68 di Ludwig van Beethoven, interpretato da Matteo Londero, brillante ex allievo del “Tomadini” attualmente frequentante la prestigiosa Accademia di S. Cecilia in Roma. La grande orchestra sinfonica formata da allievi, ex allievi e docenti, proseguirà con l'esecuzione della Sinfonia dall'Opera Nabucco di Giuseppe Verdi per terminare con Thrêna, per coro e orchestra, pagina in prima esecuzione assoluta dedicata a Giulio Regeni dal compositore e docente al Conservatorio di Udine Stefano Procaccioli. Il coro del Conservatorio di Udine è stato preparato dai docenti Andrea Chini e Antonio Piani, direttore d'orchestra Alfredo Barchi.
L'evento, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli, prevede ingresso libero fino ad esaurimento posti.

 

5 dicembre 2018

Conservatorio “Tomadini” e Unione Società Corali ancora insieme per il progetto sinfonico-corale “Nativitas”

Ritorna puntuale la collaborazione del Conservatorio di Udine con l'Unione Società Corali del Friuli Venezia Giulia, che dall'anno 2010 realizza imponenti e applauditi progetti sinfonico-corali inseriti nel cartellone “Nativitas, Canti e tradizioni natalizie in Alpe Adria”, annoverante quest'anno ben 166 appuntamenti corali.
L'Orchestra del Conservatorio “J. Tomadini” di Udine diretta da Walter Themel e il coro formato dagli assiemi “Castions delle Mura”, “Gianni De Luca” di Faedis, “Sante Sabide” di Goricizza, “Iuvenes Harmoniæ” di Udine, maestro del coro Davide Pitis, ricordano i duecento anni dalla nascita di Charles Gounod con tre concerti che si terranno, sempre con inizio alle ore 20.30, a Codroipo, Duomo di Santa Maria Maggiore lunedì prossimo 10 dicembre, per proseguire con Sacile, Duomo di San Nicola mercoledì 12 dicembre, e terminare il ciclo a Udine, Chiesa di San Pietro Martire il giorno successivo, giovedì 13 dicembre.
Il progetto sinfonico-corale, realizzato con il patrocinio di Feniarco, Federazione nazionale italiana delle associazioni regionali corali e con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Fondazione Friuli, prenderà avvio da Symphonia XI super tenor Aquileiensis («Osanna in excelsis») di Daniele Zanettovich, versione per orchestra realizzata nel 2010 a partire dall'originale organistico composto nel 1998; a seguire Messe solennelle en l'honneur de Sainte-Cécile per soli, coro, orchestra e organo di Charles Gounod, per la prima volta eseguita a Parigi nel novembre 1855 e dedicata alla memoria del suocero e insegnante di pianoforte Pierre-Joseph Zimmerman.
Solisti, assieme all'Orchestra del Conservatorio e ai quattro cori diretti da Davide Pitis, Delia Stabile, soprano frequentante il Triennio accademico di Canto al “Tomadini”, il tenore Emanuele Giannino, docente a Udine di Arte scenica e Canto e il basso Antonio De Gobbi; direttore Walter Themel.
Il progetto si avvale altresì della collaborazione di USCI, Unione Società Corali di Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine e dei Cori Sloveni, di ZCPZ, Federazione dei cori parrocchiali di Gorizia, e delle Parrocchie di Santa Maria Maggiore in Codroipo, San Nicola Vescovo in Sacile e Santa Maria Annunziata della Cattedrale di Udine.
Tutti i concerti sono a ingresso libero.

 

30 novembre 2018

Menzioni speciali al XIII Premio Nazionale delle Arti per Stefania Scapin e Fabio Corsi

Il Premio nazionale delle arti, promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca al fine di sostenere la formazione artistica e promuovere l'eccellenza degli studenti nel campo delle arti, ha sinora riconosciuto il talento e la preparazione di un numeroso gruppo di studenti provenienti dal Conservatorio di Udine. Giunto alla tredicesima edizione, ha tenuto presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze i lavori della sezione “Chitarra-Arpa-Mandolino”, nell'ambito della quale la giuria, presieduta dal maestro Paolo Zampini, ha assegnato una menzione speciale all'arpista Stefania Scapin e al chitarrista Fabio Corsi, padovani di origine e provenienti dalle scuole del Biennio di secondo livello dei docenti Patrizia Tassini e Stefano Viola presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine.
Entrambi concertisti e didatti affermati, più volte premiati in concorsi nazionali e internazionali per arpa e chitarra, terranno un concerto domani, 1° dicembre alle ore 17.00 (Fabio Corsi) e alle ore 18.00 (Stefania Scapin) presso la Scuola Fenysia ospitata nella dimora storica di palazzo Pucci in Firenze. Gli eventi rivestono particolare importanza in quanto sono stati inseriti nel prestigioso cartellone concertistico dal titolo “Strings City”, festival diffuso dedicato alla musica degli strumenti a corda che per due giorni risuonerà nei luoghi della cultura più suggestivi della città di Firenze; il comitato artistico della manifestazione, inoltre, riunisce le quattro realtà musicali più importanti della Toscana, Conservatorio di Firenze, Scuola di Musica di Fiesole, Maggio Musicale Fiorentino e Orchestra della Toscana. Il programma presentato da Fabio Corsi prevede musiche di Domenico Scarlatti, Isaac Albéniz, Giulio Regondi e Augustín Pío Barrios-Mangorè mentre il concerto successivo, tenuto da Stefania Scapin, proporrà pagine di Benjamin Britten, Nino Rota, Claude Debussy e Domenico Scarlatti.