NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

6 marzo 2019

“Concerti dei Docenti” del Conservatorio di Udine 2019

Il Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine percorre anche quest'anno la traccia progettuale seguita nel corso della passata edizione al fine di offrire privilegiata cornice alla stagione concertistica dedicata ai docenti.
Ventidue interpreti, docenti ed ex docenti, studenti ed ex studenti, animeranno sei appuntamenti solistici e cameristici, ambientati ancora nell'elegante palcoscenico cittadino del Centro Culturale delle Grazie in via Pracchiuso 21, e due serate in prestigiosi contesti sacri, la Chiesa di S. Quirino e la Chiesa di S. Chiara site in via Gemona.
La programmazione degli otto appuntamenti prosegue e sviluppa la concezione ampia e aperta dei progetti concertistici presentati dai docenti partendo dalla musica di Johann Bach per giungere alle più attuali esperienze creative e ad alcune prime esecuzioni assolute; ognuno di questi, nel proporre perlopiù opere di raro ascolto e di fondamentale spessore storico ed estetico, si caratterizzerà per un peculiare e inedito spunto di ricerca storico-musicologica che ha animato alle fondamenta l'ideazione e la compilazione del programma.
A partire dal primo appuntamento, previsto per dopodomani e, in omaggio alla festa della donna, caratterizzato dalla presenza di figure femminili dedicatesi alla composizione, ogni progetto si snoderà a partire da un particolare tema conduttore legato ora agli strumenti musicali e alle formazioni cameristiche – l'ottavino, il confronto fra l'organo e il pianoforte, il duo clarinetto e violoncello – ora ad autori, generi e stili – Leopold, padre di Mozart, Ravel e le danze, ancora Debussy in continuità con il grande progetto realizzato lo sorso anno nel centenario della scomparsa – ora, infine, legato al fondamentale impulso evolutivo offerto dall'adozione della tecnica dodecafonica agli inizi del Novecento.
Va rilevata l'importante novità della modifica dell'orario d'inizio dei concerti al Centro Culturale delle Grazie, anticipato alle ore 19.00, mentre i concerti che si terranno nella Chiesa di S. Quirino e nella Chiesa di S. Chiara saranno rispettivamente programmati alle ore 20.45 e alle ore 21.00.

6 febbraio 2019

Recital pianistico di Alessandro Del Gobbo, “Premio Mari 2018”, sabato prossimo al Palamostre

Alessandro Del Gobbo sarà protagonista, sabato 9 febbraio alle ore 21 presso la Sala “Pasolini” del Teatro Palamostre in Udine, del quarto e conclusivo concerto della rassegna “Nuovi Talenti”, ideata nel novembre scorso da “CSS Teatro Stabile di Innovazione del FVG “ e dal Conservatorio Statale di Musica “J. Tomadini” di Udine al fine di creare nuovi spazi di connessione, dedicati a giovani musicisti emergenti, tra la formazione artistica e il mondo professionale. Il recital pianistico rivestirà particolare rilievo per il pianista Alessandro Del Gobbo, recente vincitore della borsa di studio che il Conservatorio di Udine dedica dall'anno 2011 al professor Luigi Mari, per decenni docente di materie letterarie al Liceo Classico “J. Stellini” di Udine e diplomato in Pianoforte al “Tomadini” nel 1978.
Pianista di naturale e creativo talento, cultore del repertorio francese del Novecento, diplomato lo scorso anno con lode e menzione speciale sotto la guida della prof. Franca Bertoli, Alessandro Del Gobbo ha ricevuto numerosi premi e borse di studio in importanti concorsi musicali internazionali e si è perfezionato con prestigiose figure di concertisti quali Maurizio Baglini, Pierluigi Camicia, Aquiles Delle Vigne e Daniel Rivera. Nel corso dell'atteso concerto interpreterà Images – Première série (Reflets dans l'eauHommage à RameauMouvement) di Claude Debussy, Polacca in fa diesis minore op. 44 di Fryderyk Chopin, Étude III “Pour les quartes” di Debussy per terminare con uno dei capolavori pianistici del Novecento di più alto spessore interpretativo e virtuosistico, Gaspard de la Nuit (OndineLe GibetScarbo) di Maurice Ravel.

 

 

 

 

4 febbraio 2019

Due prime esecuzioni assolute dedicate al saxofono giovedì prossimo al Conservatorio di Udine

Il Conservatorio di Udine prosegue nel consolidato percorso dedicato a Masterclass tenute da figure di prestigio del mondo concertistico internazionale; prossimo ospite al “Tomadini” il saxofonista polacco Łukasz Wójcicki, protagonista del concerto conclusivo della sua Masterclass, programmato per giovedì 7 febbraio alle ore 16.30 presso la Sala Vivaldi del Conservatorio di Udine con ingresso libero.
Docente presso l'Accademia di Musica di Łódź, solista di livello internazionale, compositore e dedicatario di numerose composizioni contemporanee, premiato nel 2015 dal Ministero della Cultura polacco, Łukasz Wójcicki si esibirà a Udine assieme alla moglie, la pianista Agnieszka Sucheniak-Wójcicka, al docente del Conservatorio di Udine Fabrizio Paoletti e ai suoi allievi Elias Faccio e Lorenzo Grangetto.
Il programma, interamente dedicato al Novecento saxofonistico europeo e alla più recente scuola compositiva polacca, prevede le prime esecuzioni assolute di Alam di Tomasz Szczepanik e Valse lyrique di Tomasz Krawczyk; completeranno il concerto Strong Ties di Guillermo Lago, Gate di Graham Fitkin, Sarabanda di Jakub Kowalewsky, Capriccioso di Sławomir Kaczorowski per concludere con Petit quatuor pour saxophones (1. Gaguenardise, 2. Cantilène, 3. Sérénade comique) di Jean Françaix.